Home

#PushThePop 12.06.2017 | LIBERATO – TU T’E SCURDAT’ ‘E ME

12 giugno 2017 Around The Pop


Visto che noi di Around the Pop siamo, tra le tante cose, amanti del mistero, questa settimana abbiamo deciso di rispondere alla domanda che si stanno facendo tutti gli amanti della musica italiana: ma chi è LIBERATO?

Per fare un parallelismo culturale potremmo dire che è l’Elena Ferrante della musica: di lei si sa solo che con i suoi libri è riuscita a portare un po’ di Napoli anche nel Nebraska, per il resto però rimane misteriosa e irraggiungibile.
E così è anche LIBERATO: misterioso e irraggiungibile. Tutto ciò che sappiamo è che nei suoi video musicali non appare mai, che “la sua lei è del 1926” (il Napoli, esatto!), che canta in dialetto e che è un producer.
Effettivamente non serve molto per accorgersi del suo talento: le sue canzoni sono una fusione tra il cantato napoletano e lo stile hip hop & r’n’b.

Tanti hanno cercato di capire chi è e di intervistarlo, ma lui scappa ogni volta: è scappato anche al MI AMI festival che c’è stato poco tempo fa a Milano. Tra gli ospiti dell’evento quando è partita la sua base in uno dei palchi, tra le urla e lo sgomento dei fan, invece di presentarsi lui sono saliti sul palco Calcutta, Izi, Priestess e alla consolle Dj Shablo. Il mistero si infittisce.

Insomma, LIBERATO, l’artista che usa solo il “caps lock” per comunicare (anche in un’intervista via mail con Rolling Stone) è diventato un fenomeno musicale vero e proprio, e senza contatti, senza case discografiche alle spalle, senza amicizie, o uffici stampa.

Le sue canzoni sono “NOVE MAGGIO” E “TU T’E SCURDAT’ ‘E ME”, le visualizzazioni altissime e i video diretti da Francesco Lettieri (Thegiornalisti, Emis Killa, Davide Petrella) descrivono una Napoli fatta di mare, murales, luci e voci che ti fanno venire voglia di prendere il primo treno.

E’ impossibile resistere a LIBERATO, chiunque egli sia gli va riconosciuto il merito di aver sfruttato autonomamente le migliori strategie di marketing. E’ uno che probabilmente dopo Napoli finirà in qualche charts USA (è già su Spotify) a fare il verso ai rapper, e quando succederà, non dite che noi di Around The Pop non vi avevamo avvisato.


, ,

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *